quello che avremmo detto

Per problemi logistici la presentazione prevista per domani mattina di #2eurox10leggi all'evento Prossima Italia/Il Nostro Tempo di Bologna non sarà possibile. Pubblichiamo qui di seguito l'intervento che avevamo previsto.


PPT Bologna 22 ottobre 2010

Prima di cominciare un ringraziamento a Prossima Italia/Il Nostro Tempo per l’ospitalità e lo spazio che concede a #2eurox10leggi

che cosa è #2eurox10leggi?
#2eurox10leggi è un’iniziativa nata a seguito di un dialogo su Twitter di un gruppo di donne. Il tema del dialogo era l’acquisto, da parte di Diego della Valle, di alcune pagine di quotidiano per esprimere pubblicamente il suo disappunto… per prima cosa quindi, #2eurox10leggi nasce per rimarcare, e stigmatizzare, un’anomalia, che poi è quella che chi dispone di denaro trovi normale far sentire la propria voce attraverso mezzi che pochi altri potrebbero permettersi. E, sarà un caso, ma in questi giorni abbiamo visto che, dopo il dissenso, anche la possibilità di manifestare nelle strade è data come diritto monetizzabile, diritto a pagamento… In ogni caso: perché anche le donne non possono comprarsi una pagina del Corriere o di Repubblica? Perché non possiamo dire ciò che pensiamo anche noi su una pagina di un grande quotidiano nazionale? Facendo un po’ di conti, se arriviamo a 12 mila, bastano 2 euro. Ecco com’è nata l'iniziativa #2eurox10leggi. Ma, sempre su Twitter, abbiamo voluto fare un passo in avanti, cercando di passare dal dissenso e indignazione alla richiesta propositiva, stabilendo delle priorità. Così i 2 euro servono per comprarsi una pagina di un quotidiano e pubblicare, e rendere pubbliche, le 10 leggi chieste dalle donne per le donne alla politica. 10 temi concreti per iniziare a risolvere, e portare in un ambito di normalità, un’altra anomalia italiana, la questione femminile. La raccolta e la prenotazione delle quote è iniziata il 12 ottobre sulla piattaforma libera e indipendente di Produzioni dal Basso. Si tratta di una vera sottoscrizione popolare senza alcuna intermediazione e in piena fiducia. Chi vuole va sul sito, prenota le sue quote e assicura che onorerà il pagamento al raggiungimento della cifra richiesta 25000 euro. In una settimana, a suon di due euro, siamo arrivate a 825 euro. La strada è lunga e noi siamo qua, io sono qua a nome delle donne che in tutta Italia stanno lavorando per #2eurox10leggi, per chiedere partecipazione. Ma quello che #2eurox10leggi ha già messo in atto è un processo trasparente e democratico che coinvolge attivamente donne, e uomini, nella compilazione delle 10 richieste di legge attraverso quello che oggi si chiamerebbe we-democracy, la democrazia partecipata. E su questo, ci sentiamo di dire, abbiamo già raggiunto il nostro obiettivo. Ed ecco l’elenco di 10 richieste di legge che, per ora, è uscito da questo confronto. Si parla di sussidio di maternità universale, di paternità obbligatoria. Si parla di educazione sessuale e di genere fin dalla prima infanzia e di leggi contro la violenza sessuale su modelli europei. Si parla di leggi per favorire una reale democrazia paritaria, con liste al 50 per cento e si parla di incentivi, veri, alle famiglie e ai giovani perché, ora più che mai, essere giovane e donna, in questo Paese sembra una condanna. Mi piacerebbe concludere dicendo che da questo progetto, emergono due ottimistiche considerazioni. La prima, è che il grado di maturità civica e di consapevolezza politica delle donne è molto alto. Le Donne 2.0, come le chiama qualcuno, ma non solo, hanno trovato nella Rete una piazza dove confrontarsi e non rinunciare a una buona prassi della politica cercando di attivare un nuovo circolo virtuoso, di rinnovata fiducia, tra cittadine, cittadini e loro rappresentanti. La seconda ottimistica considerazione è che il punto di vista delle donne è fondamentale per questo Paese. Perché non va inteso come un punto di vista di parte, ma un punto di vista, uno sguardo “altro”, capace di aprire nuove prospettive, nuove visioni: è la risorsa che non è stata mai usata, l’intelligenza dimenticata, la buona pratica negata. Dietro, e dentro, #2eurox10leggi c’è la volontà di costruire, anche faticosamente, una nuova idea di società attraverso il confronto, lo scambio, la ricerca reciproca, abdicando all’ostentata sicurezza del decisionismo. Noi non abbiamo bisogno di leader carismatici dai facili consensi. La costruzione di una nuova Italia, di un Paese anche per donne, sarà faticosa. Grazie fin d’ora a tutti e tutte della FATICA che vorrete fare per noi e insieme a noi.

Nessun commento:

Posta un commento

Posta un commento